“Honlolulu arrivo!”

La prima cosa da tenere a mente è che il nome gallese del Mago Merlino è in realtà "Myrddin"; ne consegue che una più fedele latinizzazione sarebbe "Merdino".
Mi è tornato in mente ieri sera, guardando un paio di puntate della serie tv trasmessa da Italia Uno e dedicata alla Smallvillizzazione del ciclo bretone. Tutte le volte che l’ariano Artù urlava in faccia all’emo-nerd "Merlino!" immaginavo che dicesse "Merdino!" e il tutto faceva anche molto più ridere di tutta l’estetica alla quale Hercules prima e Xena poi ci hanno abituati (c’era anche una mini-serie dedicata a Re Kull, mi pare, con uno splendido Kevin Sorbo nei panni del re barbaro che si aggirava appena sveglio per il palazzo in vestaglia aperta sul petto villoso e ciabatte mentre i servi pulivano; gli mancava solo la Gazzetta dello Sport).
Comunque, l’altra cosa buffa della serie tv è che in realtà è un remake del film animato della Disney, "La Spada nella Roccia", con Artù che si comporta come Sir Kay, Merlino che fa Artù e il vecchio mentore (il cui nome mi è sfuggito) di Merlino che fa da Merlino.

Questo post va in onda in forma scarna per limiti del browser utilizzato al momento (IE5)

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

13 commenti

  1. anonimo

     /  dicembre 16, 2008

    ho visto Merlin in originale (è una serie BBC, quindi inglese).

    Merlin è una vaccata. Ma più o meno come Angeli e demoni è una vaccata divertente, per le storielle cretine, per gli effetti speciali terribbbbili, per le incongruenze storiche (Ginevra colored, Lancillotto – prossimamente – cileno, i pomodori usati per colpire Merlino alla gogna, ecc).

    La regola base di questa prima season (13 episodi) è quella della “ricomposizione” allo status quo.
    Si introduce un nuovo elemento (spesso topico del ciclo arturiano) ma alla fine dell’episodio lo si elimina, magari rimandandolo a data da destinarsi…

    d.

    Rispondi
  2. anonimo

     /  dicembre 16, 2008

    A proposito di Hercules e Xena, negli Usa invece, Sam Raimi sta producendo The Legend of the Seeker, tratto dalla saga The Sword of Truth di Terry Goodkind. Il fantasy è grossomodo quello di Xena, ma la storia è a più alta dose di continuity orizzontale. Divertente, se le robe tipo Xena piacciono.

    Rispondi
  3. Uriele

     /  dicembre 16, 2008

    una serie di kull? la voglio! Ho visto solo il film con Sorbo e la gnocca di Relic Hunter… e ne voglio ancora (traaaaaaaaaash)
    Sul ciclo arturiano, guarda il film per la tv delle nebbie di avalon, visto per caso su italia1 in seconda serata e devo ammettere che era carino (c’era pure il rapporto a trois, come nel libro della Bradley)

    Rispondi
  4. Shulypoo

     /  dicembre 16, 2008

    negli ultimi due week end Mediaset ha trasmesso senza requie la versione della saga di Merdino con Sam Neill o come diavolo si chiama quello di Jurassic Park, che era *impegnatissimo* ad avere sempre un’aria sagace e audace. Vuoi dire che quello te lo sei perso?

    Rispondi
  5. Todomodo

     /  dicembre 17, 2008

    Ma c’è anche una novella Kristen Kreuk? Che il sorbo no, ma lei si potrebbe veder, va

    Rispondi
  6. scott.ronson

     /  dicembre 17, 2008

    dario: a naso avrei detto che fosse prodotto da Raimi, perché è assolutamente identico alle sue serie!
    Graize di aver citato Goodkind, perché mi hai ricordato che prima o poi devo cercare i libri di Ayn Rand

    Uriele: può darsi fosse il film, in effetti. Lo beccai una sera appena tornato da un viaggio in treno, ne vidi un quarto d’ora e decisi che, visto quanto tutto sembrava televisivo, fosse una serie. Ma quindi l’hai visto tutto? Da che racconti era tratto (in breve: c’era lui che sfascia le tavole della legge con l’ascia o no?)

    shuly: non ho avuto l’onore. Ma magari mi riguardo Excalibur, cheèmmeglio.

    todo: da quel poco che ho visto, Sorbo era perfetto per rendere il senso di buzzurragine che un “re barbaro” dovrebbe dare, però.

    Rispondi
  7. Uriele

     /  dicembre 17, 2008

    ahhhh… no no, era solo la fotografia che faceva schifo (tipo hercules, ma un po’ meno curata, un prodotto per la tv insomma). Comunque era un film (o il pilota di una serie mai portata in italia o abortita sul nascere)

    Per quanto riguarda la serie… ho letto che l’ispirazione era l’ora del drago. No, non sono diventato scemo, non avevan i diritti di Conan e hanno usato una storia del barbaro per raccontare dell’Atlantideo.
    Comunque la storia sembra una rivisitazione dello “Shadow Kingdom”:
    1)Kull era un pirata
    2)Kull è appena diventato re di Valusia
    3)Molti tramano contro il re

    Qui finiscono le similitudini con il romanzo. E’ un film divertente, anni luce dall’essere bello, però divertente (io ormai le serie trash alla hercules le mangio a colazione)

    Rispondi
  8. anonimo

     /  dicembre 17, 2008

    @ale la differenza di cura e di confezione tra il prodotto americano e quello inglese lo si vede appena vengono messi a confronto. Poi è chiaro che gli autori di Merlin hanno guardato un sacco di Xena.

    ^___^

    Rispondi
  9. scott.ronson

     /  dicembre 17, 2008

    Uriele: beh, Conan è stato una sorta di “reboot” di Kull, per Howard, quindi tutto torna 🙂
    (la mia scena preferita de l’ora del dragone è quando, tra un colpo in testa e l’altro – la trama va avanti a botte di Conan che sviene – il cimmero spodestato si sveglia su una nave, gli dicono che è uno schiavo e si mette a urlare che lui è il re e che la nave se la compra. Poi mi pare prenda un’altra botta in testa e la trama va avanti)

    Dario: tutti hanno guardato Xena. Pure Terry Moore.

    Rispondi
  10. Uriele

     /  dicembre 18, 2008

    qui viene drogato, invece che prendere una botta in testa, però viene messo lo stesso a remare incatenato… insomma è un mix che ha più del Conan che del kull, ma se hai apprezzato hercules (magari le puntate con più pathos o quelle con Autolico, perchè qualsiasi cosa con Bruce Cambell diventa un capolavoro :D) probabilmente ti piacerà il film… è una questione di forma mentis

    Rispondi
  11. anonimo

     /  dicembre 19, 2008

    oddio… nel film di kull c’era i lclassico sacerdote malvagio che resuscita dai morti una strega malvagia

    alla fine kull l’ammazza.

    forse la memoria mi fa strani cherzi ma se non sbaglio spacca davvero le tavole della tradizione con un’asciata!!!!!

    Karl

    ps: il racconto di kull “by this axe i rule!” era più bello di quello riscritto per conan ” la fenice sulla spada”

    Rispondi
  12. scott.ronson

     /  dicembre 20, 2008

    Uriel: probabilmente sì. Devo solo avere abbastanza birra e l’umore giusto.
    Tra l’altro ho una certa passione per howard.

    Karl: quel racconto credo sia in assoluto una delle cose più belle di Howard. E del genere tutto.

    Rispondi
  13. ValeriaR30

     /  dicembre 21, 2008

    …uhm…
    Effettivamente, Merlino è meglio rispetto alla traduzione letterale… sicuramente più rispettoso…
    …però di sicuro adesso, ogni volta che vedrò un film con il mago, penserò al suo vero nome… 😀

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Continua su Buoni Presagi
  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: