Dear Mr. Murdoch

Rupert Murdoch è un mostro.
Non fisicamente. Murdoch è, coerentemente, l’incarnazione dell’uomo d’affari spregiudicato.
Possiede allo stesso tempo il Sun e il Times di Londra. E MySpace.
Non si è fatto scrupoli di prendere la cittadinanza turca per aggirare una legge che impedisce gli investimenti di stranieri nel paese.
Ha organizzato alcune delle sue aziende con una struttura che permette di minimizzare le tasse da pagare.
Mette i suoi giornali e le sue tv a servizio della parte politica dalla quale pensa di poter ricavare più vantaggi.
A febbraio del 2003, il Sun arrivò addirittura a pubblicare un numero speciale in Francia con scritto in copertina "Chirac è un verme", per dare addosso al fatto che Chirac non aveva intenzione di attaccare l’Iraq sulla base di palle messe in giro da Carlo Rossella (per farla breve).
All’inizio degli anni novanta Roger Taylor ha ringraziato Rupert Murdoch con una lettera aperta in forma di canzone, che si conclude con la pregevole battuta "sei molto meno simpatico di Attila":

(e stiamo parlando di un tizio che con la sua band non si fece scrupoli di andare a suonare in Sud Africa in pieno apartheid per un pubblico di soli bianchi)

Oggi, rispettando le antiche tradizione italiche di affidare la propria libertà a signorotti stranieri da contrapporre ai signorotti locali, Beppe Grillo si dichiara pronto a supportare Rupert Murdoch.
Ma sarebbe sbagliata prendersela con il tizio di Savignone. Lui fa il suo mestiere. Deve tenere alta l’attenzione su di lui e per farlo si deve attaccare a tutto, essere sempre pronto, anche a costo di dire minchiate galattiche (vedi la BioWashBall) a occupare il centro del palco.
Dovremmo iniziare a prendercela con i suoi fedeli più accaniti, quelli per dire che si sentono liberati, moderni e incorruttibili, perché hanno imparato a pensare "è vero perché l’ha detto il blog di Beppe Grillo" invece che "è vero perché l’ha detto la tv".
Al primo che sento dire "Murdoch è un imprenditore vero", cazzotto sui denti.

a.

ps: con tutto che il conflitto di interessi esiste e fa sì che, inevitabilmente, qualunque cosa fatta in ambito dei media sia aperta alle più orribili interpretazioni. Onestamente, preferisco che si recuperino dei soldi aumentando l’Iva di Sky che non tagliando da altre parti. L’unica cosa, mi chiedo se il cittadino puà scegliere, ovvero: se io ho un abbonamento e decido che per l’iva al 20% mi costa troppo, posso rescindere in maniera indolore? Temo di no, ma vorrei sbagliarmi.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

17 commenti

  1. idiotaignorante

     /  dicembre 4, 2008

    Sai curioso di sapere l’opinione di Murdoch sull’argomento. Non so, mi immagino qualcosa tipo Sauron che ad un certo punto rivolge lo sguardo alla Contea.

    Rispondi
  2. ValeriaR30

     /  dicembre 4, 2008

    Tutto estremamente condivisibile, almeno per la mia modesta opinione… soprattutto l’ultimo capoverso.
    Però sulla disdetta a Sky, non vorrei sbagliarmi, ma credo si possa dare solo ogni 12 mesi… in pratica, se a me utente fosse appena scaduto l’anno, dovrei pagarne un altro intero prima di poter rescindere.
    Cmq mi informerò meglio, non ho Sky ma la cosa mi interessa ugualmente…

    Saluti 🙂

    Rispondi
  3. anonimo

     /  dicembre 5, 2008

    i prezzi di sky sono iva inclusa. L’aumento dell’iva dovrebbe inizialmente erodere i profitti di sky.

    Se in un contratto di quel tipo una parte cambia le condizioni credo che per legge l’altra parte possa rescindere senza costi…

    Rispondi
  4. seaweeds

     /  dicembre 5, 2008

    Tu pensi che un italiano a cui aumentano il costo del calcio, vi rinuncerebbe piuttosto che affamare la famiglia?
    Ci fu una battaglia sfumata in peti per il calcio “privatizzato” e non mi pare che l’abbiano vinta gli utenti. Semplicemente si adattano.
    Per quanto mi riguarda, quando mi chiamano quelli di Sky, rispondo che non seguo il calcio e per i film mi compro i DVD. Come dire a un macellaio che sei vegetariano.

    Mi ero dimenticato di Dear Mr. Murdoch. Che disco carino che è Happiness.
    A proposito… Sperando che anche LastFm non sia del signor M., io è da un po’ che ti ho chiesto l’amicizia… Mi cosi? 🙂

    Rispondi
  5. seaweeds

     /  dicembre 5, 2008

    P.S. Il decreto Bersani non prevedeva la rescissione immediata da qualsiasi abbonamento?

    Rispondi
  6. Uriele

     /  dicembre 5, 2008

    Non so ma seguendo la storia di Murdoch mi sembra solo la versione più furba e sottile di Berlusconi (lui evita il conflitto di interessi appoggiando gente che sale al potere e deve parargli il culo, il principio della lobby per intenderci…)

    Quando ho letto la lettera non volevo crederci, ma da uno che ha un blog semovente alla “castello errante di Howl” mi aspetto un po’ di tutto

    Per quanto riguarda il vero imprenditore potrebbe anche essere: chi ha mai detto che un vero imprenditore non debba guardare solo al profitto e al potere fottendosene di tutto il resto?!

    Rispondi
  7. Torgul

     /  dicembre 5, 2008

    Ok, però basta con sta cazzata del conflitto d’interessi.

    A parte che Sky viaggia sulla piattaforma satellitare di Berlusconi, quindi, se mai, Mr M. è affittuario, altro che conflittuario, ma a parte quello, se fosse stato per far vendere più mediaset premium, sarebbe bastato far un’altra legge sui contributi al digitale, i cui decoder sono tutti made in nanolandia!

    Anzi, io supporto l’aumento dell’IVA per il satellitare (in fondo perchè io dovrei pagare 20% sui dischi e l’ultras che sbava il 10 sulla Lazio?), come ogni altra forma di tassazione del nazionalpopolare, che, in quanto qualunquisticamente condotto, non da’ alla cultura meno dei rimasugli di merda sulla suola..

    Rispondi
  8. Uriele

     /  dicembre 5, 2008

    una stretta di mano o una pacca sulla spalla virtuale a Torgul per il suo commento si può dare o è considerato spam?

    Rispondi
  9. scott.ronson

     /  dicembre 5, 2008

    ii: boh, la cosa più probabile è che grillo faccia un bel contrattino per qualche spettacolo su sky e contenti (più o meno) tutti. Tra l’altro hanno ricoverato Murdoch d’urgenza perché non riescono più a togliere la lingua di Grillo dal suo intestino.

    valeria: di solito (ho avuto esperienze con Euroclub/Mondolibri) è roba di raccomandate da mandare entro un tot dalla scadenza altrimenti il contratto si intende automaticamente rinnovato.

    groucho: grazie per la precisazione e per i condizionali.

    seaweeds: io una volta ho sentito un chiaro rumore di incredulità dall’altra parte della cornetta quando una tizia dal call center telecom mi ha proposto non so che offerta per la tv di alice (“quella degli spot con Abatantuono”) e io ho detto che non mi interessava…
    (per lastfm: non guardo il profilo da mesi. Mo’ ti aggiungo)
    (Decreto Bersani: è ancora in vigore? Non lo so!)

    Uriele: sì, Murdoch è semplicemente un Berlusconi pre-“merda, non ho più referenti, tocca far da me altrimenti qua finiamo gambe all’aria”. E su tre continenti.
    B e M sono sostanzialmente la stessa cosa. Per questo, non avrebbe senso dire che uno è “true” e l’altro “false”.

    Torgul: mi unisco alla stretta di mano virtuale di Uriele, perché bene o male era quello che volevo dire ma che ho detto male. In questo caso di CDI non c’entra. E’ un semplice caso di politica economica: in tempi di crisi si abbassa o si alza l’IVA?
    Il fatto però che il CDI esista al di sopra di tutto questo fa sì che la discussione venga invece viziata da chi di punto in bianco si mette a urlare “ABBERLUSCONI! ABBERLUSCONI!” come Peppone al parlamento.
    Occhio solo a distinguere tra “cultura” e “Cultura”: il nazionalpopolare qualunquist sta dando un sacco alla nostra cultura. Merda, ma sta dando un sacco.

    Rispondi
  10. Uriele

     /  dicembre 6, 2008

    OT: magari c’entrava più con l’articolo della scuola crollata, ma metterlo là mi sembrava una mancanza di rispetto.
    Qui le cose stanno veramente scadendo nell’assurdo, prima Grillo e la lettera a Murdoch, adesso questo:
    dischiarazione:

    “Nonostante il fatto che il Partito Democratico avesse già da tempo lanciato l’allarme sui tagli alle scuole paritarie e che l’esecutivo avesse sempre negato la fondatezza dei nostri rilievi, il governo ha finalmente gettato la maschera, ribadendo nella Finanziaria tagli che, a sentir loro, non esistevano”.

    “Poi, di fronte alle legittime proteste provenienti da più parti, inclusi i vescovi italiani, Palazzo Chigi ci ha ripensato e ha cercato di rimediare al danno”.

    “Sia chiaro, però, che l’annuncio del ripristino dei fondi per le paritarie rappresenta soltanto un segnale, ma che – come il governo sa benissimo – la cifra intera è ancora lontana dall’essere ripristinata e che mancano all’appello ancora molti dei milioni che il precedente governo aveva assegnato alle scuole paritarie”.

    Ho il senso del ridicolo e mi metto a ridere di queste cose, però sono parecchio preoccupanti, mi aspettavo che Veltroni si alzasse e dicesse: “Onorevole collega, che cazzo dice?”
    “Io faccio opposizione, ma la faccio meno, la faccio al 40%”

    http://it.youtube.com/watch?v=rcUiXYemtaU

    Rispondi
  11. ubimario

     /  dicembre 6, 2008

    Il decreto Bersani è tuttora in vigore, fortunatam.
    A fronte della variazione delle condizioni in senso sfavorevole, il consumatore per 60 giorni ha facoltà di recedere senza costi.

    Quanto all’IVA recuperata da Murdoch, com’era lecito attendersi andrà a foraggiare le scuole dei preti.

    Rispondi
  12. alexdoc

     /  dicembre 6, 2008

    L’unica volta che ne avevano fatta una giusta (tagli alle scuole private), devono subito ritrattare e rinunciare, pronti, hop, sull’attenti, obbedisco! Ma la cosa che mi fa più schifo è vedere tutta la cosiddetta “opposizione”, compreso il “terribile eversivo” Di Pietro (il PD ormai ha smesso di stupirmi) difendere gli indifendibili, prima Murdoch, poi il Vaticano e le scuole cattoliche. Per me questi sono assai peggio di Grillo, e ce ne vuole!

    Rispondi
  13. scott.ronson

     /  dicembre 6, 2008

    Tra l’altro ricordo male io o che avrebbero eliminato i tagli sulle private berlusconi non l’aveva già detto tempo fa? Tipo un mese, un mese e mezzo.
    Chissà perché questo teatrino (con i vescovi che protestano) adesso. Boh.

    Non ho parole per la Garavaglia. Ma un po’ bisognava aspettarselo. Basta pensare al PD non come agli eredi della tradizione socialista/comunista ma come eredi della DC e torna tutto.
    Sopravviveranno alle europee?

    Rispondi
  14. anonimo

     /  dicembre 22, 2008

    avete rotto il cazzo con sta storia dei queen in sudafrica… che palle…

    Rispondi
  15. scott.ronson

     /  dicembre 22, 2008

    @anonimo: fu oggettivamente una porcata. Della quale penso che oggi si vergognino abbastanza pure loro. Che poi la reazione dell’associazione dei musicisti inglesi all’epoca fu un po’ tanto pelosa, beh, è un altro apio di maniche.

    Rispondi
  16. anonimo

     /  dicembre 29, 2008

    Adesso vi farò incazzare ma io la penso in modo diametralmente opposto.
    Allora, lasciamo stare Beppe grillo e quel che dice. parliamo dell’aumento dell’iva al cattivissimo Murdoch
    L’aumento dell’iva non colpisce Murdoch,ma l’abbonato a Sky il quale non è come si vuol far credere, un ultras bavoso (ovvero un essere umano di serie C, nell’immaginario dei frequentatori di questo blog) ma una persona che può avere interessi e passioni varie, dai film, ai telefilm alla musica allo sport.
    Viene colpito costui/costei, secondo una logica tacheriana, laddove si colpiscono i consumi e non i redditi.
    Il che è francamente, un po’ ignobile.
    Sopratutto per chi si dichiara di sinistra.
    In quanto a Murdoch è sicuramente un son of a bitch, però,a costo di rischiare un democratico e non violento cazzotto, Murdoch ha fatto quel che Berlusconi non ha saputo fare, e a livello planetario.
    Infatti la legge fu fatta da Dini nel 95, e chissò di chi era la unica paytv , funzionante all’epoca?
    Chi indovina vince una settimana a Bolzaneto.
    Peccato poi che il Berlusca non sapendo fare un cazzo l’abbia ceduta (in parte) ai francesi di Vivendo, i quali poi l’hanno ceduto a Murdoch insieme a Stream (di proprietà Telecom, e tutti sappiamo quali rapporti ci siano tra Tronchetti Provera e Berlusconi.)
    Vorrei poi ricordare che non è Murdoch ad avere sdoganato e portato al governo gli ex(?) fascisti, ad avere portato al parlamento europeo Fiore ovvero un componente dei NAr ai quali è addebitata la più grande strage in Italia.
    Non parliamo dei 21 processi, a suo carico, di aver fatto parte della P2, e di avere nei fatti reso realtà quel programma etc etc.
    Non credo che si possa ignorare pure il conflitto di interessi, che equivale ad estrapolare il fatto dal proprio contesto (cosa tipica della informazione che ci propinano in continuazione).
    Un conto è se una cosa del genere la fa Lula in Brasile, un conto se la fa un tizio che, vorrei ricordare, ha un canale che trasmette illegalmente (ovvero Rete 4) e che dovrebbe andare sul satellite a partire dal gennaio 2009. (dovrebbe eh?)
    Tra l’altro su SKY trasmettono cose tipo quel film tv sui brogli elettorali nelle elezioni americane del 2000, che non dico merdaset,ma nemmeno la RAI trasmetterà mai.
    In realtà si vuole punire chi non si accontenta della merda che offrono i canali in chiaro, tutti di Berlusconi.
    esattamente come la “Robin Hood” tax di
    Tremarella tremonti, in cui, con la scusa di colpire i cattivi petrolieri (e chi può difenderli?) si colpivano le Coop, ed i suoi clienti.
    Che poi il prezzo del petrolio sia sceso da 150 a 30 dollari aggiunge una punta di ironia al tutto.
    PS
    E se portassero l’Iva dei libri dal 4% al 20% che diremmo?
    Pablo

    Rispondi
  17. Torgul

     /  gennaio 1, 2009

    Io considero chi ha l’abbonamento a scai uno che ha almeno 15€ in più del necessario per sopravvivere.

    Li avessi, probabilmente avrei scai. Poi non me ne farei un cazzo, dato che non vedo la TV, ho 2 stagioni di Lost, una di Heroes, 4 di Galactica, una di Pushing Daisies, e svariato altro sull’ardisc da vedere e non ho né tempo né quae, comme se dixe a Zena…

    Ora, il 10% in più, se hai l’abbonamento base, con 2 canali di film e uno di sport in chiaro, sarebbe 16,36 periodico. Persino io, Abramo McParodi, di ascendenza T-Rex, me ne accorgerei a stento.

    Chi colpisce il rincaro? Chi ha abbonamenti pantagruelici da 30€, il doppio del base, che andrebbe comunque a spendere meno di 3 euro al mese in più.

    Posso concordare che una legge ingiusta vada combattuta a prescindere di chi ne sia la vittima, ma non farmi la maestrina dalla penna rossa con la storia di Fiore&C, che se pensi ai soldi che Murdoch ha cagato ai teo-neo-geo-viet-con americani, e alla merda che tutti i giorni viene da lui spacciata su Fox News*, a confronto Berlusconi appare come un riuscito incrocio fra Matteotti, Gramsci e Maria Goretti!

    Ergo, queste sono tutte questioni di lana caprina, ma se ste minchiate mi vengono proposte per far passare merde finanziarie, lodi alfani e via cagando, un proiettile in testa al nano, uno al fotticanguri, e via con le cose serie!

    *Fox News, il canale che Fede usa come coadiuvante all’eiaculazione!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Continua su Buoni Presagi
  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: