Mah, così, cioè, insomma.

Pare che al tribunale di Genova abbiano fatto gli straordinari, per arrivare alla sentenza su Bolzaneto prima dell’entrata in vigore del decreto blocca processi.
Grazie per il pensiero, ma se tutto veniva rinviato alle calende greche era lo stesso.
Cosa è successo alla caserma di Bolzaneto, nei giorni del G8 del 2001?
Niente. Cioè, non niente. Qualcosa. Ma no cioè, non qualcosa di grosso. Qualcosina. Niente di che. Sì, forse qualcuno ha un po’ esagerato, ma però, chissà, in fondo…
Questo è quello che grossomodo dice la sentenza.
Che trovo terribilmente più offensiva che non un’assoluzione piena di tutti gli indagati, perché è il tipico brodetto tiepido all’italiana che dice e non dice. Un’assoluzione piena, almeno, avrebbe voluto dire "andate affanculo comunisti di merda". E lo avrebbe detto dritto in faccia.
Così invece, già mi vedo i giulianoferrara e i vittoriofeltri dire "eh, ma vedete, la democrazia funziona, se anche (se anche) la polizia sbaglia, si può denunciare e la si può punire". Salvo che tra indulto, condono, punti dell’Esselunga e chi più ne ha più ne metta in realtà nessuno paga nulla.

Ah, prima che qualcuno me lo chieda, io sono convinto oltre ogni ragionevole dubbio che a Bolzaneto sia stato un inferno, oltre che per le testimonianze di chi c’è finito, per una semplice constatazione: per strada, sotto gli occhi di tutti, l’allora vice-capo della Digos genovese si mise a prendere a calci in faccia un ragazzino. Pensate lontano da sguardi indiscreti che cosa può essere successo.

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

15 commenti

  1. Uriele

     /  luglio 15, 2008

    abuso di potere non è un reato da poco, il fatto che non abbiano messo tortura non lo sminuisce. Che poi non vadano in galera si sapeva già prima del processo…
    Aspettiamo per i fatti della Diaz

    Rispondi
  2. anonimo

     /  luglio 15, 2008

    sono dei porci impuniti

    Rispondi
  3. stecthulhu

     /  luglio 16, 2008

    No, non era umanamente possibile che pagassero davvero per quello che hanno fatto.

    Però qualcosa da quei dannati giorni è cambiato, qualcosa lo abbiamo imparato, abbiamo imparato ad avere paura delle forze dell’ordine, come nelle incerte democrazie sudamericane.

    “E adesso fila a dormire Carletto, se no chiamo l’uomo in divisa che ti porta via”

    Rispondi
  4. Uriele

     /  luglio 16, 2008

    Basta fermarsi al nord america per avere paura della divisa, fidati…In Italia non hanno ancora nè lo stesso potere nè la stessa cattiveria

    Rispondi
  5. giba1985

     /  luglio 16, 2008

    Questa è l’Italia: tanto macello per nulla, immobilità e impunità.

    Adesso scoppierà una nuova tangentopoli e tra qualche anno tutto sarà uguale ad oggi, quindi uguali agli scorsi 60 anni di storia italiana.

    Rispondi
  6. giba1985

     /  luglio 16, 2008

    Questa è l’Italia: tanto macello per nulla, immobilità e impunità.

    Adesso scoppierà una nuova tangentopoli e tra qualche anno tutto sarà uguale ad oggi, quindi uguali agli scorsi 60 anni di storia italiana.

    Rispondi
  7. PF1

     /  luglio 16, 2008

    mi spaventa un po’ quel che dice giba (nella sua fredda verità), ma ancora di più mi spaventa il fatto che tutto quello che è successo, le persone massacrate, il sangue versato, i filmati visti, passano tranquillamente con dei trafiletti sui giornali. Senza che nessuno si indigni. Senza che nessuno manifesti. Senza conseguenze di sorta…
    Nel silenzio.
    Però che Ronaldinho al Milan, eh?

    Che schifo…

    Rispondi
  8. scott.ronson

     /  luglio 16, 2008

    Per imparare ad avere paura della polizia, basta anche andare fino a Ferrara, chiedete di Federico “incredibile hulk” Aldrovandi.

    Comunque, sentenza del cazzo perché:
    _ dice che a Genova i comportamenti “devianti” delle forze dell’ordine furono casi isolati dovuti a iniziative individuali;
    _ gli unici che pagano sono i cittadini, attravero i circa 15 milioni di euro in risarcimenti danni versati dai ministeri dell’interno e della giustizia. io sono contento se le persone danneggiate ricevono un risarcmento per quello che hanno passato, ma vorrei anche che le persone che, con i loro errori, hanno fatto spendere quei soldi allo Stato fossero messe nelle condizioni di non fare ulteriori danni;
    _ non riesce a dire che quello che è successo a Bolzaneto è stato totalmente al di fuori di qualunque logica di diritto, di nuovo riducendo tutto a formule vaghe come “abuso di potere”.

    Per la Diaz, salterà fuori che si sono tutti feriti da soli dando in escandescenze perché drogati e Libero titolerà “I fatti della Diaz” (in realtà già l’ha fatto, il giorno dopo il blitz: “Drogati per devastare Genova”).

    Rispondi
  9. Todomodo

     /  luglio 16, 2008

    Almeno la coscienza di fini e dei macellai sarà a posto, finalmente. Tutti santi e puliti, pensiamo alle cose serie, va, che i vassalli devono lavorar.

    Rispondi
  10. clumsy

     /  luglio 16, 2008

    io sono rimasta attonita, di recente, per una notizia letta su carmilla
    http://www.carmillaonline.com/archives/2008/07/002703.html#002703
    ancora più difficile da trovare sui giornali di quanto accadde ad aldrovandi.
    se confronto la me stessa di oggi a quella di sette anni fa la più grande differenza che vedo non è tanto che ora ho paura delle “forze dell’ordine” perché so quello che possono fare, ma che ora mi fa paura tutto, lo Stato o come lo si vuole chiamare, tutti quelli che stanno sopra di noi, insomma, e che (loro) invece non hanno paura di niente.

    Rispondi
  11. anonimo

     /  luglio 16, 2008

    o vergogna.

    clumsy

    Rispondi
  12. MissBlum

     /  luglio 17, 2008

    La differenza tra tortura e abuso di potere non è tanto piccola…ma del resto in Italia il reato di tortura non esiste, no? Anche a volerlo imputare non sarebbe stato possibile.

    Rispondi
  13. scott.ronson

     /  luglio 17, 2008

    todomodo: “e dove dovevamo essere, noi di AN? A esprimere solidarietà ai no-globlal?”. Il primo che conosco che ha comprato “Unità Speciale”, il fumetto ufficiale dei Carabinieri, gli tolgo il saluto. Tanto per dire.

    clumsy: e bisognerebbe aggiungere alla lista anche il tizio arrestato con la moglie per coltivazione di marjuana e trovato massacrato di botte in una cella d’isolamento, alla lista.

    miss blum: ma infatti non è solo colpa dei giudici. E’ ridicolo che non si sia riuscito a inserire quel reato nell’ordinamento.

    Rispondi
  14. giba1985

     /  luglio 17, 2008

    La storia di Federico Aldovandri è tristissima, e anche lì siamo allo stesso punto.

    Rispondi
  15. anonimo

     /  luglio 19, 2008

    E’ una società malata in un’epoca vile.
    http://www.carmillaonline.com/archives/2008/06/002675.html

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Continua su Buoni Presagi
  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: