Pino Scotto vs. Tokio Hotel (‘Ai miei tempi…’ inside)

C’era una volta Pino Scotto, cantante dei Vanadium, il primo gruppo hard rock italiano a riscuotere un certo successo anche fuori dai confini del Regno.
Poi gli anni passano, le cose vanno un po’ così così, le band si sciolgono e Pino diventa un culto trash su youtube, grazie agli spezzoni di una trasmissione che conduce su un canale satellitare, nella quale risponde alle domande degli spettatori, sostanzialmente, mandando affanculo a destra e manca.
Un giorno Pino esprime la sua opinione sui Tokio Hotel.

Qualche tempo dopo, su youtube scatta l’infuriata replica di due giovani fan del quartetto crucco, autentico capolavoro di involontario umorismo:

Potrebbe finire qui. E invece no. Perché iniziano a fioccare pure le risposte alla risposta.
Ci sono le bimbominkia al contrario:

C’è pure Skeletor  (che purtroppo non è embeddabile, ma merita tantissimo).

E quella che, con genovese pacatezza, fa un culo così alle due cretine:

Naturalmente, questa non è che la punta dell’iceberg. Youtube trabocca di video sull’argomento, che offrono un divertente (inquietante) spaccato sulla forza che possono avere le passioni e gli odi musicali nell’adolescenza. Ringrazio solo il cielo che quando, ai miei tempi, ero io a essere così scemo (certe sbroccate sui Take That, sapeste…) non avevo mezzi per immortalare la mia idiozia e renderla "cliccabile". Web 0.0 batte web 2.0.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

14 commenti

  1. anonimo

     /  maggio 20, 2008

    Avevo già visto il video di Pino e la risposta delle ragazzine, gli altri me li ero persi. “Skeletor” è, se vogliamo rimanere nei confini intellettuali tracciati da questi elementi, un grande.
    Però non me la sento di infierire. Come dici tu, dal fanatismo musicale ci siamo passati tutti, e rimane un esercizio retorico da sfoderare, con un po’ di ironia, quando ti trovi davanti gente che purtroppo non sarebbe capace di discorsi più seri. Oppure a un concerto dei ManowaR.

    Ripensando alla tua conclusione, devo dire che forse, ci fossero stati i mezzi 2.0, avrei rischiato di fare di peggio (mi sono immaginato più volte alla testa di una Jihad contro gigidalessio). Già adesso mi sputtano volentieri in rete, e si possono trovare le prove.

    Frank

    Rispondi
  2. scott.ronson

     /  maggio 20, 2008

    No, infatti, più di tanto non c’è da inferire. Però mi fanno ridere frasi come “il disco dei Vanadium taldeitali ha venduto 52.000 copie solo in Italia” (che ok, è tanto per un disco metal, però…), oppure “Pino Scotto ha collaborato con gli Atroci”, usate per chiudere la discussione.
    Non a caso ho chiuso la serie con l’adolescente pacata, come segno di speranza per il futuro.

    Per il resto, io temo di avere fatto più o meno di peggio (ciao Ale, ciao Enrico). Ma il tutto è in cassetta audio e finché non lo digitalizzo…

    Rispondi
  3. Umbertoskj

     /  maggio 20, 2008

    Però, mica male le sbarbine indie!
    Smail

    Rispondi
  4. Torgul

     /  maggio 21, 2008

    Digitalizza, fratello, digitalizza!!!

    Rispondi
  5. anonimo

     /  maggio 21, 2008

    ciao….
    volevo dire a pino scotto k i tokio hotel sn il max del rock e k si dv stare solo zitto…. xkè è solo un cafone di merda…
    cmq sfottili quanto vuoi xkè tanto loro nn ti CACANO propio…
    ciao..

    Rispondi
  6. Drage

     /  maggio 21, 2008

    Io avrei preferito un “Tokio Hotel contro Toki Hokuto”, e l’idea me l’hai pure data te.

    No, non credo che digitalizzeremo mai nulla, soprattutto ciò che era in mano di Ale (che è stato quindi distrutto).

    O forse…

    Rispondi
  7. Torgul

     /  maggio 21, 2008

    #5:

    FAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKE
    FAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKE
    FAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKEFAKE

    Rispondi
  8. scott.ronson

     /  maggio 22, 2008

    Umbertoskj: mmm, a quale ti riferisci? Perché io non definirei “indie” nessuna delle 3 fanciulle (le due TH-lemming le escludo a priori), in quanto non ascoltano gruppi che ancora non esistono.

    Torgul: il problema è che, come sai, non dispongo più di strumenti atti a riprodurre audiocassette. 😦

    #4: vabbeh, dai, 7- per l’interpretazione del gggiovane. Se invece non è uno scherzo, rabbrividisco. Ma è uno scherzo. Vero?

    Drage: tanto è tutto in mano mia 🙂

    drage:

    Rispondi
  9. un2006pessimo

     /  giugno 9, 2008

    ero a conoscenza della risposta delle due ragazze da molto tempo, vedo che tu in effetti mi hai preceduto, come mezza italia suppongo, mi tenevo sta chicca per un ozioso pomeriggio dmenicale estivo e infatti l’ho sparata ieri sul mio blog di musica metal.
    dici che mi invidi per la frotta di folli fan che si sono riversate a commentare… è dovuto al fatto che per mia fortuna il blog è indicizzato da google news, quindi ste fan ossessive che hanno il feed rss settato su “tokio hotel”, sono state informate immediatamente.

    per risate più grasse, cerca sul blog il post precedente “pino scotto dice la sua sui tokio hotel”. ci sono MILLECENTO commenti. esilaranti o deprimenti, dipende da come la vedi.

    ciao!
    Paolo – http://musicametal.blogosfere.it

    Rispondi
  10. scott.ronson

     /  giugno 9, 2008

    Paolo: la vera apocalisse è successa qui. Oltre 3600 commenti da settembre: al momento lo spazio dei commenti è stato trasformato in un forum sui TH tutt’ora attivo. Per dire, adesso discutono di gemelli omo ed eterozigoti (il che conferma la mia teoria, a ben vedere)
    ^__^

    ps: cmq non volevo dire “l’ho postato prima io”, quando ho commentato. Però forse senza faccine sembrava un po’ acido, come commento.

    Rispondi
  11. anonimo

     /  giugno 17, 2008

    Io gli avevo già visti ttt!!!!!!!!!!!!!1

    Rispondi
  12. seaweeds2

     /  giugno 30, 2008

    Adesso mi tiri fuori quello della genovese, che non c’è più.
    Mi hai fatto perdere mezz’ora della mia vita, e incazzare come poco, e poi mi manca il finale?
    Ennò, eh…

    Comunque Skeletor m’ha fatto morir dal ridere. Immaginarmi che dalla porta sul fondo entrasse la mamma con le buste della spesa, e gli chiedesse che cosa stava facendo. 🙂

    Rispondi
  13. scott.ronson

     /  giugno 30, 2008

    nooooooooooo, non me ne ero accorto.
    L’unica adesso è imprimerti bene in mente la sua faccia dalla still che si vede e fare vasche in via sanvi il sabato pome finkè non la bekki e kiederle di rifarti il discorso del video.

    Rispondi
  14. seaweeds2

     /  luglio 1, 2008

    Minkia ke sbatta!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

  • Continua su Buoni Presagi
  • Articoli Recenti

  • Archivi

  • Categorie

  • Meta

  • Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: